MIT 2010 - Movimenti in tempo - Solo(s) around Europe

MIT 2010 - Movimenti in tempo - Solo(s) around Europe

Festival internazionale di danza contemporanea e arti sceniche

V Edizione
Solo(s) around Europe

Un progetto di
Caranas 108
Direzione artistica
Rita Spadola
Direzione organizzativa
Maria Rosaria Grisorio, Cilla Morittu
Segreteria organizzativa
Teresa Satta
Direzione tecnica
Cinzia Nieddu, Gianni Schirru
Ufficio stampa
Paola Cireddu
Progetto grafico
Roberta Sanna

Progetto web
Marcello Verona
 
Posto unico: 10 €
Abbonamento all'intera rassegna: 30 €
Per informazioni e prenotazioni:
Tel. 070 300540
Cell. 349 2430574

sponsor
domenica 19 Settembre ore 21.00
Teatro La Vetreria, Via Italia 67, Cagliari

AD VITAM | Carlotta Sagna

AD VITAM

Compagnie Caterina & Carlotta SAGNA
Scritto e interpretato da Carlotta Sagna
Testo: Anna Sagna e Carlotta Sagna
Luci: Philippe Gladieux
Costumi: Alexandra Bertaut
Regia luce: Jean-Claude Fonkenel
Un grazie particolare a Arnaud Sallé
Amministrazione e diffusione: Bureau Cassiopée
Coproduzione Arcadi /Torinodanza Festival /L'Espal, scène conventionnée Le Mans
con il sostegno della Direzione Regionale degli Affari Culturali dell'Ile-de-France/Ministero della cultura e comunicazione/La Ménagerie de Verre nell'ambito di Studiolab.

“Riflettere, ragionare ed esprimere le proprie impressioni, arrivando anche al limite della follia, sul baratro dell'abisso. Carlotta Sagna immagina una pièce intima, tenera ma a tratti anche irriverente e piccante, in parte ispirata ai quaderni di sua madre, anch'essa coreografa. Con piena padronanza del gesto teatrale, e del movimento, scrive un solo di primissimo piano in cui ogni frammento si trasforma in un autentico istante di grazia e di liberazione. Il suo linguaggio non è quello di un'attrice ma ci cattura per il suo modo di estrarre le parole dalla bocca come pietre. Inoltre danza poco, come un ricordo troppo lontano su arie di pianoforte ancora più lontane. Si torce le mani trovando dei gesti così disturbati, così incredibilmente magici per dire il dolore di essere se stessa, la minaccia di follia. È la donna al margine, sempre inadeguata, quella che non può integrarsi alla società, sorridere alla panettiera comprando il pane pensando che tutto va bene per il solo fatto che lei lo afferma. Su un palcoscenico vuoto, AD VITAM è un solo fuori norma, fuori categoria, come la protagonista, impossibile da rinchiudere in una categoria.”

Rosita Boisseau
Direct Matin – Le Monde (27 febbraio 2009)

Caranas 108
Via Solmi 37 - 09129 Cagliari
info@caranas.com