Tracce di danza - Itinerari giocosi di danza ed altro - II Edizione

12, 13, 14 Dicembre 2008

Tracce di danza - Itinerari giocosi di danza ed altro - II Edizione
12, 13, 14 Dicembre 2008

home festival » violet

domenica 14 | h.20

Violet

Ideazione, regia e danza: Alessandro Pintus
Musiche originali: Gabriele Quirici (Perceptual Defence)
Costume: Valentina Pintus


Violet

Nell'intimità oscura di una stanza di giochi un gomitolo di lana rossa irrompe nello spazio. Musica di carillon si propaga nell'aria.

Una danza in equilibrio tra il grottesco e il drammatico,un divenire ludico che porta l'essere a confrontarsi con la sua esistenza e a divenirne consapevole.

Una danza appesa ad un filo, esile come solo può essere la vita umana. Un filo che nutre l'uomo, e che contemporaneamente si disfa come fosse un gioco.

Alessandro Pintus

E' danzatore e coreografo, fa parte della nuova generazione di giovani danzatori Butoh italiani. Ha iniziato ad interessarsi alla danza Butoh nel 1996, come evoluzione di una sentita ricerca teatrale. Ha studiato in Europa e soprattutto in Giappone dove si è recato più volte per approfondire la ricerca, lavorando con gli insegnanti giapponesi più rappresentativi: Ko Murobushi, Masaki Iwana, Min Tanaka, Kazuo e Yoshito Ohno, Akira Kasai, Akiko Motofuji, Tadashi Endo. Hisako Horikawa. Inoltre ha incontrato la danza di altri insegnanti europei come: Lindsay Kemp, Dominique Dupuy, Pierpaolo Koss ed Enzo Cosimi. L'evolversi della sua formazione ed esperienza come performer lo ha portato a lavorare con molti artisti.

In questi anni ha maturato una ricerca individuale che muove lo sguardo verso le proprie radici la Sardegna, prendendosi la responsabilità di contestualizzare il proprio lavoro per poter incontrare una danza più autentica. Ha realizzato una serie di assolo, parte dei quali presentati in rassegne e festival italiani. In particolare da segnalare la trilogia “S'Ard”, dedicata alla sua terra d'origine.

Già da diverso tempo, esercita intensa attività didattica in tutta Italia ed in modo particolare a Roma conducendo il laboratorio "Attraverso il Butoh", per la formazione di giovani danzatori. Con i quali ha realizzato alcuni lavori. E' inoltre il fondatore, di “NON Company” un network di artisti – danzatori attivo sin dal 2001, mosso dalla comune necessità di investigare il significato recondito della danza Butoh e del corpo oggi. Nel 2004 è andato in onda sul canale digitale Cult Network, (piattaforma SKY), un documentario monografico riguardante il suo lavoro ed in particolare la realizzazione dello spettacolo, “Oros. Primo racconto mediterraneo”, per la serie “Performer” del regista Alberto D'onofrio, DNA Production. Nell'estate del 2006 ha collaborato con il fotografo giapponese Eikoh Hosoe per il Toscana Foto Festival presso Massa Marittima. Nel 2007 è presente assieme al gruppo V.I.T.R.I.O.L. alla Notte Bianca di Roma con lo spettacolo "Si sedes non is".

Nel Marzo del 2008 ha collaborato con la Fondazione Alda Fendi per lo spettacolo D'ambra grigia e canfora, regia di Raffaele Curi presso l'ex mercato ebraico del pesce al Circo massimo. Nel maggio 2008 è stato ospitato con l'assolo "N", alla seconda edizione del festival Teatri di Vetro tenutosi a Roma presso il Teatro Palladium. Nel Luglio 2008 cura le coreografie per la collezione “Wholegarment” dello stilista Saverio Palatella presentata per “Altaroma Altamoda” presso il Complesso Monumentale S. Spirito in Sassia (Luglio 2008, Roma). Nel Settembre 2008 è interprete dello spettacolo “Eye was ear” della compagnia Collettivo Cinetico di Francesca Pennini, vincitore del premio G.D'A per L'Emilia Romagna tenutosi presso il Teatro Almagià di Ravenna, in replica l'8 Dicembre 2008 presso il Teatro Comunale di Ferrara pre l'evento "Fuoristrada".

Regione Autonoma della Sardegna, Comune di Cagliari, Quattrodonne